Come si degusta un vino?

0
21

Innanzitutto: cosa significa degustare un vino? Significa sottoporlo ad una serie di analisi sensoriali atte a definirne e descriverne le caratteristiche principali: visive, olfattive e gustative.

La degustazione di un vino si articola in tre fasi distinte che colgono le diverse caratteristiche del vino.

Analisi Visiva
Il colore è l’aspetto più evidente del vino e segue un’evoluzione che ne accompagna la vita stessa, contrassegnandone le varie fasi. Non solo la tonalità, ma anche l’intensità del colore è importante; solitamente, maggiore è l’intensità, più ricchi sono i profumi e la struttura del vino. Infine, un’altra importante qualità del colore è la vivacità, strettamente legata all’acidità del vino. Per un’analisi più approfondita, clicca qui. Le caratteristiche da valutare sono:

Limpidezza
Colore
Consistenza
Effervescenza

Analisi Olfattiva
In questa fase si colgono i diversi profumi del vino, rivelatori dei possibili abbinamenti e della tipologia di vino. I principali profumi che possiamo riconoscere in un vino sono floreale, fruttato, aromatico, frutta secca, legnoso, speziato, tostato e vegetale (per una descrizione più approfondita di ogni sentore, clicca qui). Le caratteristiche da valutare sono:

Intensità
Complessità
Qualità

Analisi Gustativa
Il gusto è l’insieme di sensazioni percepite al palato, legate sia al sapore devl vino che a stimoli olfattivi o termici. Le sensazioni strettamente legate al sapore sono: dolcezza o morbidezza, amarezza, sapidità e acidità (guarda qui in quali zone della lingua si percepiscono le diverse sensazioni). Le caratteristiche da valutare sono:

Sensazioni morbide
Sensazioni dure
Corpo del vino
Equilibrio
Intensità
Persistenza
Qualità

Per diventare degli eccellenti degustatori, dovrete assaggiare quanti più vini possibile, cercando ogni volta di riconoscerne le diverse caratteristiche.

Rispondi